11 luglio 2015. San Benedetto da Norcia, patrono d’Europa
Stammi ancor vicino, Signore.

Tieni la tua mano sul mio capo,

ma fa’ che io tenga il mio capo

sotto la tua mano.

Prendimi come sono,

con i miei difetti, con i miei peccati,

ma fammi diventare come tu desideri

e come anch’io desidero. Amen Giovanni Paolo I

Tutti noi desideriamo che il Signore ci stia vicino, che ci faccia sperimentare il Suo amore tenero e fedele. Ma non siamo sempre disposti a stare vicino a Lui, nel posto che il Signore ha scelto per noi perché spesso preferiamo seguire altre vie.
Quante volte il Signore vuole amarci e noi siamo altrove! Non siamo disposti a stare un po’ di tempo con Lui nella preghiera o ad andare a Messa perché “abbiamo altro da fare”, eppure il Signore ci attende per tenere la Sua mano sul nostro capo, per inondarci di tutta la Sua tenerezza. Solo che noi non siamo lì dove Lui è presente, dove si fa incontrare.
Pretendiamo davvero tanto da Dio, ma gli doniamo davvero poco! Un po’ di amore, solo questo ci chiede! Un amore che si traduce in fiducia, in ricerca, in ascolto di quello che Lui ha preparato per noi.
Oggi cerchiamo il Signore proprio dove si fa trovare. Lasciamo che ci ami con tenerezza e ci renda come Lui vuole.

Per questo vi invito a ripetere:

Tieni la tua mano sul mio capo,

ma fa’ che io tenga il mio capo

sotto la tua mano.

Buona giornata

   Francesca e don Alessandro